Lunedì, 24 Aprile 2017

Anniversario della Liberazione, Celebrazioni con le autorità e con gli alunni del progetto interscolastico “La memoria va in bici”

Tre istituti comprensivi, il “Carlo Urbani” di Moie, il “Lorenzo Lotto” e il “Carlo Urbani” di Jesi, il gruppo comunale di Protezione civile, le associazioni “Ruota libera”, Mutilati e invalidi di guerra, la Pro Loco Maiolati Spontini e la sezione Media Vallesina dell’Anpi, l’associazione nazionale partigiani d’Italia.

Due comuni, Maiolati Spontini e Jesi, e soprattutto loro: gli studenti. Tante realtà impegnate a trasformare la commemorazione della Liberazione in una giornata all’insegna non solo del ricordo, ma anche della testimonianza e della partecipazione intergenerazionale.
Martedì 25 Aprile il capoluogo Maiolati Spontini e la cittadina di Moie saranno al centro delle iniziative per il 72esimo anniversario della Liberazione organizzate, per il secondo anno consecutivo, insieme con le scuole secondarie di primo grado nell’ambito del progetto “La memoria va in bici”. Iniziative che vedono al centro i ragazzi. Un elemento, questo, che l’Amministrazione maiolatese ha sempre avuto a cuore e che ha contraddistinto, anche negli anni passati, il programma delle manifestazioni per l’anniversario della Liberazione dal nazifascismo.
Gli eventi in programma nella mattinata del 25 Aprile partiranno alle 9,30 a Maiolati Spontini, con la formazione del corteo da piazza della Vittoria fino al Municipio, dove ci sarà la deposizione di una corona d’alloro in ricordo di Giannino Pastori. Seguiranno l’intervento del primo cittadino Umberto Domizioli e della presidente della Media Vallesina dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia Patrizia Renzi. Prenderanno quindi la parola il sindaco del Consiglio dei ragazzi Letizia Troiano, i bambini della scuola primaria “Martin Luther King” di Moie. A fare da accompagnamento musicale, le note della Filarmonica “Gaspare Spontini”.
La giornata proseguirà alle ore 11 a Moie, con il raduno al parcheggio dell’ex scuola media e la formazione del corteo da via Enrico Mattei a via Risorgimento, fino in piazza Santa Maria. Qui, dopo la deposizione di una corona di alloro nella lapide che ricorda i due partigiani Augusto Chiorri e Libero Leonardi, si ripeteranno gli interventi delle autorità e degli alunni. La celebrazione sarà accompagnata dai canti dei cori “David Brunori” e “Gaspare Spontini”, con musiche eseguite dalla banda “L’Esina”. È previsto anche l’intervento della presidente regionale dell’Associazione nazionale mutilati e invalidi di guerra Silvana Giaccaglia e del dirigente dell’Istituto comprensivo “Carlo Urbani” di Moie Emilio Procaccini. La mattinata si chiuderà con l’accoglienza dei ragazzi coinvolti nel progetto interscolastico “La memoria va in bici”. Si tratta di una pedalata nei luoghi della memoria della Resistenza che toccherà sia Jesi che Moie. Il tutto tramite un percorso ciclistico di 16 chilometri, segnati tragicamente dalla guerra di liberazione e ricordati con lapidi, cippi e monumenti, dove gli alunni reciteranno poesie, metteranno in scena rappresentazioni e flash mob. Il giro ha inizio alle 8,30 dopo il raduno in bicicletta dei partecipanti all’Arco Clementino, di conseguenza i partecipanti di Moie dovranno partire alle 7,30 con raduno in via Venezia, di fronte alla scuola secondaria di primo grado. L’arrivo del corteo delle scuole, dopo le varie tappe jesine, è previsto intorno alle 12,30, in via Filzi a Moie, dove si terrà l’ultima azione celebrativa.
La manifestazione proseguirà alle ore 15 a Moie, in piazza Kennedy, dove ci sarà il concerto del gruppo “Backbeat. Instrumental trio”. Seguiranno le premiazioni del concorso scolastico “La memoria va in bici”.
“Le iniziative che prevedono il coinvolgimento e la partecipazione dei giovani sono quelle che danno un significato più vivo e attuale all’anniversario della Liberazione – osserva il sindaco Umberto Domizioli –. Una ricorrenza che ci porta a riflettere sull’importanza di valori come la libertà e la giustizia, e su quanti si sono sacrificati per costruire le fondamenta del nostro Stato democratico”.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.