Lunedì, 09 Ottobre 2017

Università degli adulti, inaugurato il l'anno accademico. Da oggi iniziano “Incontri e percorsi” alla scoperta delle Marche

Undici percorsi tematici, dalla letteratura alla storia dell’arte, dalla domotica alla scienza, dalla salute alla filosofia, passando per cinema, musica, i laboratori linguistici e le escursioni fra ambienti naturali, città d’arte ed eremi delle Marche e non solo.

È iniziata l’avventura del XIII anno accademico dell’Università degli adulti della Media Vallesina, l’istituzione voluta e sostenuta dall’Unione dei Comuni. “Uno dei servizi più importanti e apprezzati del nostro organismo sovracomunale – ha detto alla cerimonia di inaugurazione il vice presidente dell’Unione Sandro Barcaglioni – che risponde ad un bisogno di cultura e di sapere di un territorio che va ben oltre quello dei sei Comuni della Media Vallesina, cioè Maiolati Spontini, Castelplanio, Montecarotto, Rosora, Poggio San Marcello e San Paolo di Jesi, che compongono oggi l’Unione. Un organismo, quello nato nel 2003, a cui fanno capo, oltre all’università, servizi fondamentali come la Polizia locale o il trasporto sociale, gestito dall’Auser”. A occuparsi della didattica e dell’organizzazione dell’ateneo degli adulti, che ha sede in via Carducci a Moie, è un’associazione di cui è presidente Riccardo Ceccarelli.
La cerimonia di apertura dell’anno accademico si è tenuta domenica 8 ottobre, alla biblioteca La Fornace di Moie, alla presenza di un pubblico attento e numeroso, intervenuto per seguire, oltre agli interventi di Barcaglioni e Ceccarelli, la lectio magistralis su «Mestica e Mariotti alla “scopera” di Leopardi» del professor Franco Musarra, dell'Università di Lovanio, in Belgio.
La conferenza è stata aperta dalla lettura di una docente dell’ateneo, Paola Libanori, del “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia” di Leopardi e si è conclusa con la declamazione, da parte dello stesso Musarra, della poesia “Ulisse” di Saba, i cui ultimi versi “me al largo sospinge ancora il non domato spirito,
e della vita il doloroso amore” sono stati lo spunto per un invito “a farvi sempre spingere – ha detto il docente universitario al pubblico – da questo ‘non domato spirito’, che ha portato me, come voi, qui stasera, e voi iscritti all’ateneo degli adulti ad intraprendere un nuovo percorso di scoperta e di conoscenza”.
Il presidente Riccardo Ceccarelli ha illustrato alcune delle novità del nuovo anno accademico, dalle lezioni in aula, concetrate il lunedì e venerdì, alle attività complementari, come la visione di film, le presentazioni e gli incontri, il mercoledì. Ha poi circordato come uno dei fili conduttori del nuovo percorso didattico sarà “la ‘scoperta’ delle Marche e di quanti hanno reso la nostra regione importante nella storia culturale della nazione”.
Le lezioni dell’ateneo sono iniziate lunedì 9 ottobre, alle ore 16 nei locali del Centro comunale 6001 di Moie, con la lezione di Gabriele Fava dal titolo “Einstein aveva ragione”. A seguire, alle 17 e 30, la presentazione delle visite ai luoghi d’arte che rappresentano uno dei filoni di attività, insieme ai corsi e ai laboratori, dell’ateneo. Fra i corsi in partenza ad ottobre, i laboratori di inglese e spagnolo (martedì 24 ottobre). Prima uscita in programma sabato 21 a Sassoferrato, alla mostra “La devota bellezza”.
Le iscrizioni, partite a fine settembre, stanno segnando già un trend molto positivo.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.