Martedì, 17 Ottobre 2017

Ripresi i lavori per il terzo lotto del Polo scolastico di via Venezia. Completamento previsto entro la fine del 2018

Sono ripresi i lavori per la realizzazione del terzo lotto del Polo scolastico di via Venezia a Moie.

Lavori che ripartono dopo un fermo di nove mesi del cantiere imposto da una sentenza del Consiglio di Stato, che di fatto ha costretto il Comune di Maiolati Spontini, dopo un cambiamento dei criteri di assegnazione da parte dello stesso Consiglio di Stato, a riassegnare l’opera, già eseguita per metà, ad un’altra ditta. 
Ora a seguire l’intervento è la Edra Costruzioni. In questi giorni gli operai della ditta stanno sistemando l’area e installando le attrezzature necessarie al nuovo cantiere.
 Il neo assessore ai Lavori pubblici Francesco Perticaroli, nel sottolineare la propria soddisfazione per la prosecuzione dell’iter di completamento di uno degli interventi più importanti - “anche perché guarda al futuro e ai giovani” - per la comunità maiolatese, ci tiene a ringraziare il suo predecessore, Giancarlo Carbini, insieme con i responsabili e gli addetti dell’Ufficio tecnico comunale “per la solerzia e la competenza con la quale hanno gestito la ripresa dei lavori”.
La realizzazione del terzo lotto del Polo scolastico rappresenta un passo fondamentale per consegnare in tutte le sue potenzialità alla cittadinanza e alla popolazione scolastica la scuola, che era stata definita da media nazionali un istituto “modello”, realizzata con criteri all’avanguardia, innovativi sistemi di isolamento termico, acustico e pannelli solari fotovoltaici, e dotata perfino di un giardino pensile. Una volta completati i lavori il Polo di via Venezia sarà in grado di ospitare circa 1.200 tra bambini e ragazzi
 L’obiettivo della consegna dell’opera finita è ormai vicino. “ Con buona probabilità il tutto sarà completato – spiega l’assessore Perticaroli – entro la fine del 2018, di conseguenza la struttura sarà pronta e disponibile per gli alunni per l’inizio dell’anno scolastico 2019”.
 Il terzo stralcio riguarda la realizzazione della prima parte della scuola secondaria di primo grado, dell’auditorium e dell’ingresso principale, che interessa anche la scuola primaria, visto che quello attuale sarà riservato ai soli insegnanti e ai dipendenti.
 Con il terzo terzo stralcio il complesso avrà una superficie utile, ripartita su due piani, di 7.469 mq, con 4.996 mq di superficie coperta. Le classi saranno 20 per la scuola primaria e 12 per la scuola secondaria di primo grado. Ma ci saranno anche una serie di strutture accessorie: palestra, biblioteca, auditorium (320 posti), mensa (310 posti), cucina, uffici e direzione (6 locali). Ognuno dei due plessi, inoltre, sarà dotato di sette laboratori: musicale (insonorizzato), artistico, informatico, di scienze, interculturale, linguistico, multimediale (50 posti).
Fra i miglioramenti previsti nel terzo stralcio, la sistemazione delle aree verdi a ridosso dell’edificio, la realizzazione di un campo da gioco polifunzionale sulla copertura dell’auditorium, il potenziamento degli impianti fotovoltaico e di ventilazione nei locali delle aule e della biblioteca, la gestione della sicurezza e dell’interferenza delle attività di cantiere con l’attività scolastica.
Il polo scolastico è stato realizzato e sarà completato con fondi ottenuti dai proventi della discarica, come è successo per il complesso culturale “eFFeMMe23” la biblioteca La Fornace.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.